Sui Tuareg

Sui tuareg

La storia di questa popolazione affonda le radici in un passato ben lontano, tanto da non essere possibile risalire a una precisa origine. Da sempre conosciuti per la loro abilità di sopravvivere in fiorenti gruppi sociali nonostante l’austerità del deserto, per secoli i Tuareg hanno basato la loro sussistenza sull’allevamento e il suo commercio oltre il Sahara. Ai Tuareg spetta il merito di aver introdotto l’utilizzo dei dromedari, animali resistenti, ideali per lunghi trasferimenti e utili fornitori di latte.

Senza fissa dimora e soliti ad accamparsi con tende nel deserto, negli ultimi due secoli i Tuareg hanno subito cambiamenti anche importanti alle loro tradizionali abitudini. Agli inizi del Novecento finirono nella colonizzazione francese, sebbene fu permesso loro di mantenere tradizioni e suddivisione dei capi. Con il termine del Colonialismo, però, la popolazione si trovò costretta a fronteggiare un ben più complesso scenario geopolitico, tanto da alimentare diversi scontri affinché potessero mantenere il loro status di nomadi non solo a livello tradizionale, ma anche e soprattutto sul piano politico.

Particolarmente nota è l’usanza del tè, una cerimonia che i Tuareg compiono più volte al giorno ed alla sera davanti al fuoco. La preparazione è lunga e complessa: è necessario bollire il tè tre volte. Il tè della prima bollitura è detto “tè della morte“, per il suo gusto forte e molto amaro. Il secondo tè è chiamato il “tè della vita“, per il suo sapore decisamente più dolce e piacevole ma dal lieve retrogusto amarognolo. Il tè ottenuto dalla terza bollitura è invece chiamato il “tè dell’amore“, dolce e intenso. L’atto di versare il tè è un rito nel rito e avviene dall’alto al basso in un bicchiere per creare la schiuma, che rende il tè delicato e spumoso. Secondo un proverbio Tuareg, un tè senza schiuma è come un Tuareg senza turbante.

La  religione che praticano è l’Islam, anche se vi è chi ha visto in diverse loro pratiche e leggende dei residui di un anteriore animismo. L’epoca di adozione dell’Islam risale a diversi secoli fa. Le donne hanno una libertà maggiore rispetto ad altre culture islamiche, e tra l’altro possono divorziare dal marito. Quando ciò si verifica, dal momento che le tende sono di proprietà della donna, l’ex-marito si ritrova senza un tetto e deve cercare ospitalità presso parenti di sesso femminile. La tenda e il suo arredamento, infatti, sono forniti alla coppia dalla famiglia della sposa.

I Tuareg praticano la monogamia, anche se sotto l’influenza dell’Islam qualunque individuo può avere più mogli. Il futuro marito porterà una dote composta da dromedari alla famiglia della sposa.

I Tuareg mantengono molti aspetti linguistici e culturali originari delle popolazioni berbere che popolano il Nordafrica dalla notte dei tempi. La lingua dei Tuareg, a differenza di quella dei Berberi del nord, ha un apporto trascurabile di prestiti dall’arabo. Inoltre i Tuareg hanno mantenuto fino ad oggi l’uso della scrittura tradizionale del Nordafrica, detta tifinagh, che discende da quella delle antiche iscrizioni libiche (I millennio a.C.).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *